Avvalimento nei lavori pubblici: nuova formulazione dell'art. 49 del Codice Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Venerdì 05 Dicembre 2014 17:03

parlamento

La recente legge 30/10/2014 n. 161, recante “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea - Legge europea 2013-bis”, ha modificato l’art. 49, comma 6, del D.Lgs. 163/2006, in materia di avvalimento dei requisiti di qualificazione, sopprimendo il divieto di avvalersi, nei lavori pubblici, di più imprese ausiliarie per ciascuna categoria di lavorazioni.

 
Ulteriori disposizioni “urgenti” in materia di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici. Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Martedì 24 Giugno 2014 15:55
ruspa
Con il D.L. 28 marzo 2014, n. 47, convertito in L. 23 maggio 2014, n. 80 sono state introdotte ulteriori disposizioni "urgenti" in materia di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici.
Continua, in effetti, il deprimente "balletto" normativo che ha preso il via dopo l'annullamento dell'art. 107, comma 2 e dell'Allegato A al D.P.R. 207/2010 disposto dal parere del Consiglio di Stato 26 giugno 2013, n. 3014 e dal conseguente D.P.R. del 30.10.2013.
Infatti, alla luce delle modificazioni introdotte in sede di conversione del D.L. in esame, risulta già obsoleto decreto ministeriale pubblicato sulla G.U.R.I. n. 96 del 26 aprile 2014, con il quale erano state individuate, sempre in via interinale ed urgente, le categorie di lavorazioni a qualificazione obbligatoria e le categorie superspecializzate.
 
Ancora disposizioni d’urgenza sulle categorie di lavorazioni a qualificazione obbligatoria e superspecializzate Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Martedì 01 Aprile 2014 12:51
ruspa
Abbiamo già segnalato come la mancata conversione in legge del D.L. 151/2013 abbia comportato l' "aborto" della recente disciplina transitoria delle categorie a qualificazione obbligatoria e superspecializzate che era stata introdotta per colmare la lacuna determinatasi a seguito dell'annullamento degli artt. 109 comma 2, e 107, comma 2, nonché dell'Allegato A, del D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207 ad opera del Parere del Consiglio di Stato 26 giugno 2013, n. 3014 e del conseguente D.P.R. del 30.10.2013.
Il nuovo Governo ci riprova con il D.L. 28 marzo 2014, n. 47, recante "Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015".
 
Mancata conversione in legge del DL 151/2013: cade la disciplina transitoria delle categorie superspecializzate Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Lunedì 03 Marzo 2014 11:29
parlamento
Il D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 (vale a dire il decreto legge che conteneva la disposizione che aveva sancito la temporanea reviviscenza delle norme di cui agli articoli 107, comma 2, e 109, comma 2, del DPR 207/2010, già annullate a seguito del DPR del 30.10.2013, pubblicato nella GURI 29 novembre 2013, n. 280) non è stato convertito in legge nel termine di sessanta giorni dalla sua pubblicazione.
 
Pubblicato il decreto che individua le nuove categorie a qualificazione obbligatoria e superspecialistiche Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Sabato 10 Maggio 2014 17:42
legge
Per quanto concerne il regime della qualificazione degli esecutori di lavori pubblici, l'art. 12 del D.L. 28 marzo 2014, n. 47 ha previsto che - nelle more dell'adozione di una nuova disciplina regolamentare che rimpiazzi le disposizioni del D.P.R. 207/2010 annullate dal parere del Consiglio di Stato 26 giugno 2013, n. 3014 e dal conseguente D.P.R. del 30.10.2013 - un decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti debba individuare, in via interinale ed urgente, le categorie di lavorazioni da ritenersi "a qualificazione obbligatoria" e le categorie c.d. "superspecialistiche" (cioè quelle alle quali applicare l'art. 37, comma 11, del Codice dei Contratti).
Il decreto ministeriale in questione è stato pubblicato sulla G.U.R.I. n. 96 del 26 aprile 2014.
 
Pubblicate le nuove Direttive Comunitarie in materia di procedure di affidamento di contratti pubblici Stampa
Scritto da Gianni Marco Di Paolo   
Venerdì 28 Marzo 2014 08:31
europa

In data odierna sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea le nuove Direttive Comunitarie in materia di procedure di affidamento di contratti pubblici, che assumeranno rispettivamente i nn. 23 (contratti di concessione), 24 (settori ordinari) e 25 (settori speciali) del 2014.

 

 
Approvato il nuovo regolamento per il precontenzioso innanzi all'AVCP Stampa
Scritto da Alessandro Bonanni   
Lunedì 03 Marzo 2014 10:55
avcp
Ai sensi dell'art. 6, comma 7, lettera n), del Codice dei Contratti, tra le numerose prerogative dell'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici, rientra anche quella di esprimere parere non vincolante, su iniziativa della stazione appaltante e di una o più delle altre parti, relativamente a questioni insorte durante lo svolgimento delle procedure di gara, eventualmente formulando una ipotesi di soluzione (c.d. "parere pre-contenzioso").
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 26